Aiutaci: 5 per mille nella dichiarazione dei redditi

Sede HRI, via Dr.-Streiter 4, I-39100 Bolzano

Cari amici dei Diritti Umani, cari soci di HRI,

 

anche quest’anno é possibile donare a HUMAN RIGHTS INTERNATIONAL (HRI), onlus, il 5 per mille delle Vostre imposte. Con questo gesto date un contributo importante che non comporta alcuna spesa in piú. É sufficiente indicare sul CUD, modello 730, oppure sul modello Unico il nostro codice fiscale e apportare la Vostra firma.

Il nostro codice fiscale: 9 4 0 7 9 8 3 0 2 1 5 (da indicare)

Grazie e cordiali saluti
(Il Cosiglio di Aministrazione HRI, onlus)

 

IL DIRITTO DI SOGNARE

A 50 ANNI DALLA MORTE DI MARTIN LUTHER KING (4.4 1968)

Incontro con Paolo Naso, uno dei massimi studiosi di MLK in Italia. Per sapere che ne è dell'uomo che sollevò la più grande protesta della storia contro la segregazione razziale. Una icona di nonviolenza in un mondo pieno di rabbia e di conflittiOrganizza Human Rights International nell'ambito del ciclo per i 70 anni dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo

Precisamente cinquant'anni fa, il 4 aprile del 1968, Martin Luther King veniva assassinato con un colpo di fucile al Lorraine Motel di Memphis. Il giorno prima aveva tenuto il suo ultimo discorso pubblico e aveva accennato alle minacce di morte sempre più incombenti. Aveva detto: "Mi piacerebbe vivere una lunga vita. Ma non me ne preoccupo ora. Voglio solo fare la volontà di Dio, che mi ha permesso di salire sulla montagna. E ho guardato oltre. E ho visto la terra promessa". In queste parole ci sono le metafore che hanno segnato i grandi sermoni di King, parole, simboli e metafore che caratterizzano la storia del protestantesimo americano.

ma quale è il messaggio che Martin Luther King ci lascia oggi? Quale è la sua attualità negli Stati Uniti dominati dal mito del mercato e di una politica, quella di Donald Trump, fatta di minavce atomiche e di ecreti per ricacciare i diversi al di fuori dei confini nzionali?

E che ne è di una delle grandi figure simbolo della nonviolenza in un tempo dominatio dagli assetti di una società liquida, priva di ideali e decomposta in tante piccole parcelle isolate e gravide di rancore e di violenza? L'uomo che proveniene dalla tradizione delle "black churches”, le chiese americane sopravvissute alla schiavitù come può essere ancora oggi veivolo di una liberazione sociale dal giogo dell'oppressione e dell'ingiustizia.


A cinquant'anni dall'omicidio di Martin Luther King, La sezione meranese di Human Right International organizza martedì 10 aprile alle ore 18 alla sala Urania di via Ortwein a Merano un incontro nell'ambito del ciclo di eventi per i 70 anni dalla Dichiarazione universale per i Diritti dell'Uomo, con la presenza di Paolo Naso, docente in Scienza politica alla Sapienza Università di Roma e direttore della Commissione studi della Federazione delle chiese evangeliche in Italia.

Naso è uno dei più esperti cultori di Martin Luther King in Italia su cui ha scritto varie opere: L'altro Martin Luther King, Claudiana 1993; God Bless America. Le religioni degli americani, Editori Riuniti 2002; Il sogno e la storia. Il pensiero e l'attualità di Martin Luther King, Claudiana 2007; Come una città sulla collina. La tradizione puritana e il movimento per i diritti civili, Claudiana, 2008. 

Martedì 10 aprile

ore 18

Sala Urania - via Ortwein

MERANO

Mahatma Gandhi - 70 anni dopo

Primo incontro del ciclo dedicato ai 70 anni della Dichiarazione Universale dei diritti dell'Uomo che si incrocia con i 70 anni dall'uccisione del Mahatma Gandhi, il simbolo della nonviolenza 

13 marzo alle ore 18 al Centro per la cultura di via Cavour a Merano. Partecioeranno: Giuliano Pontara, Prakash Ramachandran e Massimiliano Pilati


Sono passati settant'anni dalla morte di Gandhi. Era il 30 gennaio del 1948 e l'unico uomo che fino ad oggi è riuscito a fronteggiare e vincere una guerra attraverso la più pura dottrina della nonviolenza, aveva da poco concluso uno dei suoi digiuni epici. Ai ministri che andavano al suo capezzale aveva detto: “Cesserò il digiuno quando vedrò realizzata la riconciliazione di tutte le comunità, senza alcuna pressione esterna ma grazie ad un risveglio del senso del dovere”. 
Nel giorno fatale della sua morte il Mahatma stava recandosi alla consueta preghiera serale nel giardino adiacente alla Birla House. Improvvisamente saltò fuori un uomo, Nathuram Godse - un fondamentalista indù - e gli sparò addosso tre colpi di pistola. 
Gandhi cadde a terra mormorando il nome di Dio: “Hé Ràma”.

Improvvisamante Gandhi passò dalla realtà al mito. 
Ma la nonviolenza non è più riuscita a imporsi come una forza capace di armonizzare il mondo. Eppure ancora oggi quella di Gandhi è l'unica speranza concreta per evitare il suicidio dell'umanità e perché si affermi in tutto il mondo la dottina del suo "satyagraha" (la forza della verità): "La viiolenza e non la spada è il simbolo della razza umana". 
Ma oggi è ancora di moda Gandhi? 

Sarà questo il tema del primo incontro organizzato da Human Rights International (HRI) a Merano nell'ambito di un ciclo per celebrare i 70 anni dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo (10 dicembre 1948). Ad attualizzare la figura del Mahatma verranno a Merano il 13 marzo alle ore 18 nella sala conferenze del Centro per la per la cultura in via Cavour 1Giuliano Pontara, professore emerito all'Università di Stoccolma e uno dei massimi studiosi di Gandhi in Europa, il bramino inbdiano Prakash Ramachandran e il presidente del Forum trentino per la pace, Massimiliano Pilati, che farà da moderatore. 

A seguire, alle 20.30 - sempre nella sala per la cultura in via Cavour - verrà proiettato il film "Una forza più potente", per la regia di Steve York, che racconta l'impatto che la vicenda di Gandhi ha avuto nella storia del Novecento. 


LUSSEMBURGO-ITALIA/ALTO ADIGE Successo davanti la Corte di Giustizia Europea contro le discriminazioni. Causa C-571/10, sentenza del 24.04.2012

CINA - HRI si congratula con LIU XIAOBO e ne richiede la liberazione

ITALIA - Tribunale di Bolzano, ordinanze no. 665/2010 e no. 666/2010

SENEGAL: Un letto, una zanzariera (“un lit, un moustiquaire”)

IRAN - Appello a favore di Nasrin Sotoudeh

ITALIA/UE - Eliminare la discriminazione con criteri obiettivi di scelta